Covid 19, regole per il commercio al dettaglio

Il DPCM del 13 Ottobre 2020 ha dettato le nuove misure di contenimento che riguardano il commercio al dettaglio. Nello specifico il decreto riporta:

“Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante ‘Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19’, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante ‘Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”

DPCM del 13 Ottobre 2020

Le indicazioni riprendono in linea generale le misure riportate nel DCPM del 16 Aprile 2020:

  • Distanziamento interpersonale, assicurando una distanza di almeno 1 metro tra le persone, compreso il personale.
  • Assicurare un ingresso scaglionato
  • Impedire la sosta all’interno dei locali più del tempo necessario all’ acquisto.

Ricordiamo inoltre che sono obbligatorie:

  • Pulizia e igiene ambientale almeno 2 volte al giorno.
  • Sanificazione dei locali, intervento non ordinario, indicato come necessario da emendamenti locali in relazione ad aree particolarmente a rischio.
  • Adeguata areazione dei locali. E’ fondamentale garantire un ricambio dell’aria con uso di condizionatori o di ricambio naturale ogni 20 minuti.
  • Disinfezione delle mani attraverso l’utilizzo di sistemi di dosaggio di prodotti germicidi e disinfettanti da posizionare in aree come ingressi e uscite dei locali, tastiere e totem multimediali.
  • Dispositivi di protezione personale, uso di mascherine. Laddove sono presenti postazioni fisse come casse, i protocolli prevedono l’obbligo di dotazione di barriere o schermi in plexiglass.
  • Supportare la clientela attraverso cartellonistica che riepiloga le regole da rispettare

L’insieme delle procedure e delle disposizioni sono da approfondire a questo link .

Suggeriamo inoltre di adeguare il locale ad eventuali nuove disposizione nazionali e regionali.

Ricordiamo che, in caso di mancato rispetto dei protocolli di sicurezza, sia nazionali che regionali, sono previste sanzioni amministrative con multe dai 400 a 300 Eur, sanzioni accessorie, chiusura dell’attività

Fermiamo il contagio con un commercio sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.